Storia

Da un piccolo vigneto a Imperia, un grande sogno.

L’amore per una terra aspra, ma generosa; un sogno che sembrava una sfida:  produrre un vino speciale da una terra speciale che ne sapesse coniugare i colori, i sapori, i profumi e le emozioni e  produrre solo Pigato  esprimendone tutte le qualità e la versatilità.

Da un piccolo vigneto di 2500mq a Imperia disposto su 3 fasce a circa a 3 km dal mare, con il supporto di un affermato enologo (Giuliano Noè) e di un esperto agronomo (Piero Roseo), che si sono appassionati al nostro progetto e ora sono nostri grandi amici, nasce nel 2004 il nostro primo Pigato: Domè.
I primi risultati sono stati molto incoraggianti e ci hanno spinto a continuare. Abbiamo gradualmente acquistato piccoli appezzamenti di terreno abbandonati da più di trent’anni sempre nella stessa zona, perché il nostro desiderio è valorizzare il terroir.

Abbiamo deciso di impiantare solo Pigato, perché crediamo nelle potenzialità straordinarie di questo vitigno autoctono della Riviera Ligure di Ponente.
L’impianto non è stato così facile: terreni incolti, muretti a secco da ripristinare…
Ma con grande tenacia ci siamo riusciti e oggi abbiamo circa 3 ettari e mezzo vitati.
Il lavoro in vigna è quasi completamente manuale; non usiamo diserbanti nel rispetto della natura e del terroir.
Nel 2008 abbiamo realizzato la Nostra cantina, dove vinifichiamo tutti i nostri Vini Pigato: siamo arrivati a declinarne 7 diverse interpretazioni.

Degustandoli si segue un percorso affascinante e sorprendente, che ogni volta ci fa commuovere.
Il prezioso e accurato lavoro in vigna e cantina viene svolto anche grazie all’aiuto di Claudia Di Blasi e Gianni Briatore.

Ecco, questo è VisAmoris: la forza del nostro amore per realizzare il nostro sogno.
Un sogno ottenuto con tanta passione e determinazione e che oggi siamo orgogliosi di
condividere con chi è in grado di apprezzare le cose buone che solo l’amore può realizzare.

Noi siamo VisAmoris!